REGOLAMENTO

logo 2012 nsp

 Associazione “Non solo pensionati”  acronimo “NSP”
Via Parenzo 23/a  Brescia              Telefono 329 6871699  

Sede Legale c/o CSV via Salgari n. 43/b Brescia
Indirizzo mail   
info@nonsolopensionati.it

AGGIORNAMENTO: Questa premessa e il regolamento vengono continuamente aggiornate dal Consiglio Direttivo in risposta alle necessità sopravvenute. L’ultima versione è a disposizione sul sito della NSP:www.nonsolopensionati.it       (Questa è la versione approvata il   26/1/2016  )

Le informazioni di NSP si possono trovare anche sul

GRUPPO  FACEBOOK PUBBLICO      NON SOLO PENSIONATI – BRESCIA

—————————————————-

PREMESSA  al regolamento della Associazione “Non solo Pensionati”

La nostra Associazione di volontariato ha scelto come missione di occuparsi della terza età e dell’invecchiare in salute fisica e mentale. L’Associazione e la sua attività sono state più volte riconosciute ed apprezzate dalle Istituzioni

ATTIVITA’ SVOLTE
-La nostra prima attività è stata la prevenzione delle truffe ai danni degli anziani “FERMIAMO I LADRI DEI SOGNI”con opuscoli come il “passaporto antitruffa”, interventi esplicativi insieme alle forze dell’ordine ,commedie esemplificative , proiezioni delle commedie , interventi televisivi su RAI3, Teletutto e Brescia Punto TV, con l’approvazione di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comune di Brescia, Questura ,Carabinieri e Polizia Urbana di Brescia, Associazione Comuni Bresciani.
Sono state contattate in città e Provincia oltre 15.000 persone. Riteniamo che in diversi casi la prevenzione abbia permesso a diversi anziani di evitare di cadere nella rete dei truffatori.

In seguito, motivati dalla necessità di ridurre i costi della commedia e dal piacere di essere autonomi abbiamo dato spazio ad una nuova esperienza per i  nostri soci.  Si è  infatti deciso di creare “un laboratorio di teatro”, dove i nostri volontari  si incontrano settimanalmente per visionare nuovi copioni sull’argomento e si cimentano in una esperienza artistica come la recitazione. In questo modo attraverso una serie di incontri e prove  gli attori professionisti sono stati sostituiti da nostri volontari a tutti gli effetti “attori”.

 

-La seconda attività: le “CENE SOCIALI” a cadenza mensile presso locali di qualità e tariffe convenzionate. Si socializza parlando della nostra realtà e dei progetti futuri, cenando insieme, ci si conosce, si scambiano le proprie opinioni e si ascolta musica e chi vuole può ballare.

 

-La terza attività richiestaci è convenzionata con Asl di Brescia per favorire la mobilità, la salute e la socializzazione.si chiama ”GRUPPI DI CAMMINO”.Sono gruppi di persone che si incontrano tre volte alla settimana per camminare per un’ora a buon passo nei parchi cittadini. Nella fase iniziale l’Associazione provvede a organizzare e pubblicizzare l’iniziativa, tramite un laureato in scienze motorie si inizia l’attività con l’obbiettivo che il gruppo poi continui la sua attività in autonomia. Sono già stati organizzati ad Aprile 2014 5 gruppi di cammino che poi hanno continuato da soli secondo gli obbiettivi.

 

-La quarta attività è il progetto “ANZIANO AMICO “ per portare sollievo con l’animazione agli anziani soli in casa di riposo. Il nostro obbiettivo è di avere un gruppo di volontari che collaborino insieme per organizzare formare e sostenere il progetto. La modalità di intervento è definita “LEGGERA” al fine di rendere meno gravoso il tempo dei ricoverati e dei nostri volontari, creando piccoli eventi di gioco e allegria. La casa di riposo delle suore Ancelle di Mompiano ha condiviso i nostri obbiettivi consentendo di realizzarli  il giovedì pomeriggio presso la struttura di via Montini a Bs.

Anche in questo caso si è aperta l’opportunità di una nuova esperienza per i soci,  si è deciso di creare un laboratorio di canto chiamato “CORO DEL SORRISO”, utilizzando i nostri volontari che incontrandosi settimanalmente con i testi delle canzoni studiati con il supporto della musica  hanno potuto cimentarsi in una esperienza artistica come il canto.

-La quinta e non ultima per importanza è la “FESTA DEI NONNI” festa nazionale che ogni anno riproponiamo il 2 Ottobre nella città di Brescia (fino ad ora presso i giardini di via Vittorio Veneto) E’ una festa corale organizzata dalla nostra NSP con il patrocinio del Comune di Brescia e grazie alle liberalità dei commercianti della zona. E’ molto partecipata oltre 300 bambini, anziani e famiglie. Organizziamo con i nostri volontari otto stand di distribuzione palloncini, animazione, trucca bimbi, spuntini alimentari e spettacoli vari.

 

-La sesta attività è rappresentata dalle collaborazioni con altre associazioni ad esempio con Anlaids 1 volta /anno vendiamo  i Bonsai per la lotta contro Aids…….

Altri progetti seguiranno in futuro.

 

NECESSITA’:
E’ necessario concentrare le nostre energie in modo organizzato e produttivo. Per questo ci si deve render conto che non tutto è possibile e a volte dobbiamo rinunciare ad attività che potremmo anche ritenere interessanti, ma che non abbiamo al momento la possibilità di affrontare in modo efficace.
Non siamo pertanto in grado ad esempio di affrontare problematiche psicologiche di disagio adulto e infantile, nè di gestire situazioni di dipendenze da droga o da alcol , ne’ di recuperare persone con problemi con la giustizia o con situazioni di esasperata conflittualità.
Inoltre riteniamo fondamentale che la missione dell’Associazione non debba essere deviata da atteggiamenti che disturbino gravemente i rapporti tra i soci o che demotivino al volontariato o che creino conflitti e divisioni all’interno dell’Associazione stessa

– Come può  l’Associazione funzionare al meglio?
–Organizzare incontri periodici per informare i soci di come funziona l’ Associazione, proponendo la conoscenza dello Statuto, dell’ Atto Costitutivo e dell’Organo direttivo, dei progetti in atto e di quelli futuri
-Utilizzare un regolamento esplicativo,-spiegare le finalità e le priorità della Associazione

-in particolare si rende necessario convocare periodicamente i soci “Responsabili” per confrontarsi
—Quali comportamenti sono da evitare quando ci si occupa di volontariato ?
-Promuovere interessi economici o politici
-Esibire la propria capacità di parola, monopolizzando il tempo comune con logorroici discorsi per avere un auditorium.
-Scaricare egocentricamente le frustrazioni della propria vita.
-Plagiare o manipolare per il gusto del comando, dividendo, seminando discordia.

—Quali qualità sono utili nel Volontariato?i
Umiltà ,Modestia, Dono del proprio tempo
—-
Le Associazioni di volontariato sono state definite la linfa vitale della società ,vanno protette ed aiutate e difese dagli stessi componenti:” i soci”
I soci volontari sono un’espressione di alto valore umano e vanno tenuti in massima considerazione e rispetto.
Il regolamento esprime chiarimenti comportamentali. E’ stato adottato dalla maggior parte delle Associazioni su sollecitazione dei soci stessi. Anche la nostra Associazione, crescendo numericamente, ne ha sentito l’esigenza
Segue Il regolamento…………..

 

 

REGOLAMENTO AD INTEGRAZIONE DELLO STATUTO

 

1) conoscenza dello statuto
I nuovi soci vengono informati riguardo lo Statuto della NSP,il Regolamento e l’organizzazione interna e ne accettano le regole, al momento dell’iscrizione.

2) Obbiettivi e scopi
I nuovi soci della NSP fanno propri gli obbiettivi della Associazione secondo i metodi decisi dall’Assemblea presieduta dal Consiglio Direttivo (CD).
Il CD per necessità operative anticiperà le decisioni a nome e nell’interesse dei soci . L’assemblea dei soci esprimerà la volontà dell’ Associazione che è la guida alle azioni del CD

3) Caratteristiche richieste ai soci
L’Associazione non ha pretese , il socio è libero di partecipare e di esprimersi. Naturalmente il suo comportamento non deve danneggiare l’Associazione.

I soci dell’Associazione sono persone equilibrate e di buon carattere, che hanno risolto i propri problemi personali, gestiscono rapporti umani positivi, hanno disponibilità nel prestare aiuto alle persone bisognose tramite il volontariato e non hanno pendenze penali.

I soci riconoscono verso l’Associazione i doveri prima dei diritti. Hanno rispetto delle altre persone e facilitano i buoni rapporti. Si impegnano per il raggiungimento degli obbiettivi pratici dell’Associazione e si adoperano per migliorare l’armonia interpersonale tra i soci.

La loro opera è a titolo gratuito come pure quella di tutti i membri del Consiglio Direttivo compreso il Presidente.
L’Associazione è inclusiva, si rispettano e si accettano le diversità e i bisogni delle persone, fatta salva la buona fede di ognuno.

Il Presidente in accordo con il CD ha facoltà, per centrare gli obbiettivi della NSP di delegare alcuni incarichi a soci di comprovata affidabilità e di creare Responsabili per alcuni settori operativi definiti “gruppi”. (Le nome relative  sono specificate nel capitolo 11) gruppi)

4) Assunzione di nuovo soci
E’ gradito che i soci presentino candidati nuovi soci.
L’assunzione di un nuovo socio passa dall’insindacabile giudizio del Consiglio Direttivo che valuterà le caratteristica dei candidati secondo lo Statuto e il regolamento.
Il candidato socio firmerà la sua candidatura, versando la quota sociale iniziale e attenderà la decisione.
Il candidato socio può partecipare a qualche evento promosso dall’Associazione per essere conosciuto dai soci i quali daranno il loro parere sulla persona.
Qualora un socio abbia gravi problemi con l’aspirante socio anche di natura personale, per cui la presenza dell’aspirante socio gli risulti oltremodo gravosa, ha il diritto di comunicarlo al Consiglio Direttivo e l’aspirante socio deve essere immediatamente allontanato.
Qualora la presenza di un aspirante socio durante un evento comporti delle problematiche ai soci questi sono tenuti a comunicare il disagio al CD. In questo caso il CD a suo insindacabile giudizio può
1)      Escludere immediatamente l’aspirante socio
2)      Proporre all’aspirante socio di partecipare ad altri 2 eventi. In tali occasioni verrà valutato il comportamento dell’aspirante socio. Se il CD non riceverà alcuna ulteriore lamentela potrà valutare l’eventuale ammissione. Nel caso in cui ci fossero ulteriori lamentele il CD deciderà di non accettare la persona come socio.
Qualunque richiedente ricevesse il diniego a far parte dell’ Associazione non potrà partecipare a riunioni , manifestazioni ed eventi organizzati dalla stessa.

5) esclusione di un socio
Qualora nel tempo ad un socio acquisito venissero a mancare le caratteristiche ritenute necessarie e indispensabili il Consiglio Direttivo di sua iniziativa, o su segnalazione di altri soci, dovrà intervenire prima con un ammonimento, poi se dovessero permanere i motivi, con il mancato rinnovo a fine anno. Nei casi di comportamenti e situazioni gravi con l’esclusione immediata del socio.

6) DIMISSIONI DI UN SOCIO
Le dimissioni devono essere date in forma scritta in caso questo non avvenisse occorre una dimissione verbale a almeno un membro del Consiglio Direttivo.

7) Proposte
Sono gradite da parte dei soci proposte di nuove iniziative o di metodi operativi più consoni a condizione che si tratti di proposte positive.

8) Assicurazione
I soci in servizio di volontariato saranno coperti da una assicurazione per eventuali rischi di infortunio e si atterranno, anche per non rischiare di uscire dalle condizioni di copertura assicurativa, alle istruzioni ricevute.

9) Assemblee per soci
Le assemblee generali e ogni riunione dichiarata per solo soci sono riservate.
Nelle assemblee, e in ogni incontro, ogni socio esporrà il proprio parere a turno, rispettando le indicazione del moderatore scelto dal Presidente.
In mancanza del Presidente il suo ruolo sarà svolto, in ordine, dal Vice, dal segretario o dal socio con più anni d’iscrizione.

Chi non può partecipare all’Assemblea, potrà dare delega ad un altro socio (massimo 3 deleghe)

10) Attività esterne
Le attività varie sono aperte a tutti, purchè invitati da un socio che si assumerà la Responsabilità del loro comportamento. Restano escluse persone già dichiarate non gradite..
Le Attività saranno svolte al minor costo possibile per i soci. Salvo sempre il necessario pareggio dei costi o comunque il livello di sopravvivenza o di progettazione dell’Associazione.
La NSP sarà impegnata a ricavare i fondi necessari per svolgere la propria attività, organizzando progetti utili ai fini sociali , da presentar a Fondazioni ed Enti Pubblici e privati.
La fonte di finanziamento principale non dovrà mai essere la quota sociale versata annualmente dai soci.

 

11) Gruppi (Insieme di persone guidate da un Responsabile che perseguono un obbiettivo comune che richiede una serie di regole di collaborazione)

I Responsabili dei gruppi opereranno negli interessi e nel rispetto della NSP e sotto la guida del Presidente.

In ogni  gruppo per raggiungere l’obbiettivo, gli appartenenti  rispetteranno le indicazioni e i consigli espressi dai Responsabili.

Nelle  attività sviluppate in gruppo è necessario che ogni appartenente si allinei all’obbiettivo comune, garantendo la propria presenza nei modi, nei tempi e negli orari concordati con i Responsabili.

Si richiede a chi aderisce ad una attività di Gruppo che la svolga con continuità e volontà..

Si richiede puntualità e in caso di impedimento è necessario preavvisare i Responsabili.

Nel caso di attività rivolte al pubblico  si richiede, a maggior ragione,  rispetto delle regole, massima serietà e tutela dell’immagine dell’Associazione.

Eventuali  dimissioni dall’attività di gruppo dovranno scritte e motivate.

Nel caso in cui un appartenente al gruppo commettesse gravi mancanze che creino danni,  il C.D , a suo insindacabile giudizio,  in accordo con il Responsabile,  può decidere dopo 2 ammonimenti l’allontanamento dello stesso dal gruppo.

Chi è stato o si è allontanato da una attività di gruppo e decide successivamente di partecipare ad un’altra attività’ ,deve presentare domanda al C.D.  che ne valuterà l’opportunità.

Il C.D. non rimborserà ai volontari spese di trasferta, pranzi , costi auto etc non precedentemente autorizzate.

11a Gruppo teatro

Obbiettivo: In caso di tentata truffa l’anziano reagisce opportunamente

11b Gruppo dei walking leaders di cammino

Obbiettivo:Creare/sviluppare l’abitudine al movimento e alla socializzazione

11c Gruppo Coro

Obbiettivo:Allietare gli anziani in R.S.A.

— Si richiede partecipazione alle riunioni organizzative e propositive ogni 6/8 mesi